HOME PAGE
La Scheda
La Storia
Curiosità
Piatti di Ieri
Soprannomi
Personaggi
La Foce
Dove andare
Come eravamo
Album
Dal mondo
Le Feste
Vocabolario
Proverbi
Diario
Arte & Artisti
Giochi di Ieri

Ci scrivono...

 

 

 

La Storia di Chiauci
 
   
"CLAVIS PENTRORUM : CHIAUCI" - La Chiave del Sannio Pentro
 
  L’origine del nome
 
  Una folla di dominatori
 
  Due Chiese, un beneficio, una Grancia
 
  Altra ipotesi sull'origine del nome
Date storiche
“Una fonte per lo studio della popolazione del Regno di Napoli”
“Dizionario Geografico”
“Dizionario Statistico de’ paesi del Regno delle due Sicilie al di qua del faro”
Libro delle Diocesi del Contado del Molise
“Il Mezzogiorno attraverso i catasti onciari”
Libro delle rivele del Catasto Onciario di Chiauci 1741/42

 

 

Date storiche
1269 Carlo I d'Angiò assegnò Chiauci a Beltramo
1312 Carlo II d'Angiò dette Chiauci in feudo a Giovanni del Bosco
1530 Chiauci è passata in dominio della famiglia Greco
1809 il primo Sindaco di Chiauci fu Donato Giancola
1840 Carlo Ciolfi fu eletto Sindaco di Chiauci
1862 Chiauci appartenne al Collegio elettorale di Agnone
1912 a Chiauci fu inaugurato il primo ufficio postale
1922 arrivo della corrente elettrica
1938 arrivo della prima automobile
1947 passava per Chiauci il primo pullman
1948 arriva la prima trebbiatrice
1950 nei negozi arrivano i primi giocattoli, i primi fornelli a gas, le pentole di alluminio, le cartelle di cartone, i primi colori per disegno
1955 arriva l'acqua in paese e tutti possono allacciarsi alla rete - arriva il primo trattore (a cingoli)
1956 le prime strade di collegamento
anni 60 e 70 diminuiscono i campi coltivati ed inizia l'emigrazione
1964 viene costruita la scuola materna e la scuola elementare
 
 
Da “Una fonte per lo studio della popolazione del Regno di Napoli”

di Barbagalli de Vitiis - 1732

Si calcola che Chiauci nel 1669 contava 29 fuochi tra il 1669 ed il 1732 79 e nel 1732 71.

 

 

 
Dal “Dizionario Geografico”

di Sacco - anno 1795 - Tomo I

Chiauci appartiene alla provincia di Lucera della Diocesi di Trivento. E' situato sopra una collina sassosa d’aria buona, e nella distanza d’undici miglia dalla città di Trivento e di quarantotto da Lucera, che si appartiene alla famiglia Gambadoro, con titolo di Baronia.

In questa terra sono da notarsi una Chiesa Parrocchiale sotto il titolo di San Giovanni Evangelista, ed un monte Frumentario che somministra del grano ai coloni per la semina. Il suo territorio poi produce grani, grandindia, vini, e pascoli per greggi.

Il numero finalmente de’ suoi abitanti ascende a settecento settantasette (777) sotto la cura spirituale di un Arciprete.

 

 

 

Dal “Dizionario Statistico de’ paesi del Regno delle due Sicilie al di qua del faro”

AA.VV. - 1824

Il comune di Chiauci appartiene al circondario di Carovilli Distretto di Isernia Provincia del Molise.

La popolazione si calcola di 859 abitanti.

 

 

 

Dal libro delle Diocesi del Contado del Molise

Si calcola che nel 1845 la popolazione di Chiauci è di 1041 abitanti.

 

 

 

Da “il Mezzogiorno attraverso i catasti onciari”

Barinovi

Ora l’oncia è tirata (tarata) alla ragione di 3 carlini di rendita e 6 ducati di capitale. Attraverso la rendita si vuole stabilire il valore del capitale, capitale che consente di attuare quella determinata rendita al tasso annuo del 5% (10% da animali).


 

graphic by Gianluca Di Vincenzo giandivi